Dimensionamento, per Pavone sarà rivisto

Riceviamo da Bartolo Pavone e pubblichiamo: Nella Gazzetta ufficiale n. 30 del 5 febbraio 2013 sono state pubblicate le nuove indicazioni nazionali per il curricolum della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d’istruzione (D.M. n. 254 del 16 novembre 2012). Le indicazioni stabiliscono conoscenze, abilità e competenze che gli studenti devono acquisire a conclusione della scuola dell'infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado. Così la scuola di base italiana - statale e paritaria - dispone finalmente di un documento unico che consente a tutte le comunità scolastiche di organizzare le attività educative e didattiche per conseguire l'insieme delle competenze fondamentali. Il decreto prevede anche la costituzione di un Comitato scientifico nazionale per l'attuazione delle indicazioni nazionali e il miglioramento continuo dell'insegnamento. Il Comitato sarà incaricato di indirizzare, sostenere e valorizzare le iniziative di formazione e di ricerca in modo da aumentare l'efficacia dell'insegnamento secondo gli obiettivi previsti dalle indicazioni e nel costante rapporto con le scuole e le loro esperienze. Nello specifico, l'Art 1 comma 2 stabilisce: Dall’A.S. 2012/2013, le scuole dell’infanzia e del primo ciclo (primaria + media un grado) d’istruzione procedono all’elaborazione dell’offerta formativa avendo a riferimento in prima attuazione e con gradualità, le Indicazioni Nazionali contenute nel documento allegato, che è parte integrante del decreto. Il comma tre dello stesso art uno stabilisce: limitatamente all’A. S.2012/2013, i collegi dei docenti utilizzeranno le parti delle predette indicazioni compatibili e coerenti con il piano dell’offerta formativa adottato, le esperienze maturate nell’ambito della situazione scolastica, le esigenze del territorio e le condizioni di fattibilità in cui la singola scuola opera. In merito a queste nuove disposizioni e indicazioni nazionali e alla luce dell’istituzione a breve di un tavolo provinciale stabilito nelle priorità assessoriali di questa regione in materia scolastica, sono convinto che il piano di dimensionamento proposto dall’Assessorato P.I. regione Sicilia, nel proseguimento dovrà essere ritoccato perché molte scuole della Sicilia non sono a norma con il miglioramento continuo dell’insegnamento. Ad esempio, il plesso di Lipari centro, incompleto di scuola media, grosso handicap per acquisire conoscenze, abilità e competenze a conclusione del percorso infanzia-scuola primaria- media di primo grado. In fede Bartolo Pavone

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 03/03/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Appartamentino Portinente Lipari
Vendesi villa Quattrocchi Lipari Vendesi villa Quattrocchi Lipari
270.000
Primo piano casa vico Bezzecca Lipari Primo piano casa vico Bezzecca Lipari
180.000
Villa sul mare Capistello Lipari Villa sul mare Capistello Lipari
630.000
Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari
250.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Stroncatura secca

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz