Istituito il tavolo tecnico sul turismo

Istituito il tavolo tecnico sul turismo Istituito questa mattina a Palermo il tavolo tecnico per rilanciare il settore turistico siciliano. Presenti soltanto i rappresentanti delle categorie. Va ricordato che per quanto riguarda le Eolie il presidente di Federalberghi isole minori, Cristian Del Bono, aveva già consegnato all'assessore Stancheris (nella foto) un documento dettagliato su queste specifiche realtà “Di fronte ad una crisi eccezionale – ha dichiarato Pietro La Torre, segretario generale Uiltucs Sicilia a blogsicilia.it ci vogliono iniziative di sostegno eccezionali. Basta con gli interventi che si concretizzano in una pioggia di risorse che poi si rivela inutile. Si deve razionalizzare il settore, iniziando dalla diminuzione dei costi necessari a raggiungere la Sicilia”. Capitolo a parte meritano le infrastrutture dell’Isola. Arrivare in Sicilia non è certo semplice, ed una volta giunti a destinazione, ci si rende conto della dimensione certamente poco ‘turistica’ di molti servizi e località. “Io so di alcuni Comuni – commenta ancora La Torre – che vengono definiti turistici ma non si capisce secondo quali criteri. Per me è turistico un Comune che destina parte del proprio bilancio alla propria promozione, e agli interventi strutturali, come il rifacimento delle strade. Spesso quando i turisti arrivano per visitare una località, nemmeno trovano i cartelli di indicazione”. I sindacati chiedono dunque un maggiore coinvolgimento nelle scelte future per il settore del governo regionale ed indicano la strada da intraprendere: “Ci si può salvare – conclude La Torre – solo con una programmazione che abbia flessibilità rispetto alla capacità di spesa e che dia modo di intervenire tempestivamente sulle criticità. Sicilia e turismo è un binomio che ancora non funziona, qui, a dire il vero, siamo ancora all’abc del turismo”. Per Nico Torrisi, presidente di Federalberghi Sicilia, programmazione e razionalizzazione devono essere coniugate ad un approccio imprenditoriale alla regolamentazione del settore. È quanto chiesto oggi all’assessore Stancheris unitamente ad una maggiore attenzione rispetto al passato. “In Sicilia – riferisce Torrisi semre a blogsicilia.it – abbiamo 100mila posti letto nelle strutture ricettive. Negli anni, ad un’offerta aumentata in termini qualitativi e quantitativi non è corrisposta adeguata crescita della domanda, oggi buona parte di quei posti letto rimangono vuoti”. Una delle ‘speranze’ in lista è l’erogazione immediata di fondi comunitari che possano consentire una boccata d’ossigeno al settore insieme a nuove leggi. “Serve assolutamente – conclude Torrisi – un piano marketing territoriale che permetta di orientarsi su quanto denaro spendere e come farlo in modo ottimale. Sinora si è parlato di turismo a vanvera, senza occuparsene davvero. Speriamo che la classe politica si renda finalmente conto che turismo e agroalimentare sono i settori trainanti della nostra Isola”.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 09/04/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi fabbricato San Calogero Lipari
Vendesi villa annunziata Lipari Vendesi villa annunziata Lipari
730.000
Vendesi casa via Marina Garibaldi Canneto Lipari Vendesi casa via Marina Garibaldi Canneto Lipari
820.000
Vendesi casa Capistello Lipari Vendesi casa Capistello Lipari
500.000
Vendesi villa antica Lipari Vendesi villa antica Lipari
420.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Pesce spada alla siciliana

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz