Scuola, le proposte di Pavone

Riceviamo da Bartolo Pavone e pubblichiamo: Si è svolto, ieri, a Palazzo d’Orleans–Regione Sicilia, un incontro molto importante dal tema: “ legge regionale per le isole minori della Sicilia “. All’incontro, hanno partecipato i Sindaci di Pantelleria, Favignana, S. Marina Salina e molti delegati e Assessori di altri comuni isolani. Per la Regione Siciliana hanno partecipato: a) La dirigente generale dell’ufficio di Presidenza del Governo Regionale, la dott.ssa Patrizia Monterosso; I dirigenti dei vari comparti della Pubblica amministrazione siciliani e, infine, la dott.ssa Nelli Scilabra, Assessore P.I. Ecco Temi trattati: 1. Fondi per l’edilizia scolastica; 2. Continuità didattica e interventi legislativi ad hoc. Ma andiamo per ordine: Fondi per l’edilizia scolastica I dirigenti responsabili di settore dopo aver ascoltato gli interventi dei presenti, alle richieste d’interventi strutturali nei vari edifici scolastici mal funzionanti, hanno risposto che: il Governo Regionale ha già badato a far pervenire delle schede di verifica degli istituti scolastici presenti nel territorio, al fine di procedere con la massima urgenza la destinazione dei fondi regionali adibiti per risolvere n tempi brevi le varie esigenze delle singole scuole. Il fondo immobiliare a disposizione della Regione Sicilia è di circa 39 milioni di euro. Continuità Didattica e interventi legislativi ad hoc Tutti siamo stati d’accordo per un piano istituzionale a garanzia della continuità didattica in zone disagiate e al diritto allo studio. Gli interventi sono stati molteplici. Molti hanno sostenuto con grande determinazione la necessità di una legge speciale per le isole minori. Sindaci e delegati hanno chiesto maggiori poteri legislativi per i dirigenti scolastici, quando devono affrontare disagi di natura organizzativa per situazioni di grande emergenza, per es: Condizioni marine avverse, ecc. In conclusione, chi scrive, ha ritenuto fare delle precisazioni in merito agli argomenti trattati. Ha chiesto di mettere a verbale le seguenti proposte: • Inserire la vecchia norma per la composizione delle pluriclassi, cioè riportare i parametri a minimo sei massimi dodici. Proposta fattibile. In atto la norma prevede un numero minimo di otto alunni fino a uno di diciotto. • Inserire la norma sulla precedenza per le supplenze fino a un massimo di quindici gg per chi risiede e dimora in loco, norma che per tanti anni ha assicurato il regolare servizio nelle singole scuole. Anche questa norma fattibile. • Incentivare con un progetto d’istituto e con fondi regionali, i docenti che garantiscano la dimora fissa per almeno 180 gg nell’isola con un compenso economico da concordare. La dott.ssa Monterosso, in merito, ha dichiarato che tale misura è fattibile, solo tramite progetto. Infine, per garantire il massimo del servizio, della sicurezza e un funzionamento di tutta l’organizzazione scolastica, ha proposto che, i posti in deroga per il personale docente e Ata, sono attribuiti con precedenza per le zone disagiate. In molte isole, le scuole funzionano in diverse case private, occorrono più collaboratori scolastici. Sono previsti altri incontri.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 06/06/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari
Casa Il Baglio Lipari Casa Il Baglio Lipari
450.000
Casa Porto delle Genti Lipari Casa Porto delle Genti Lipari
280.000
Casa indipendente Pianoconte Casa indipendente Pianoconte
880.000
Villa vista mare Quattropani Lipari Villa vista mare Quattropani Lipari
790.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Caponata di melanzane

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz