Sarde a beccafico

Sarde a beccafico

Persone 6
Preparazione 30 min
Cottura 30 min

Sarde 1 chilo
Pane grattugiato 150 gr
Acciughe sotto sale 8
Uva sultanina 60 gr
Pinoli 60 grammi
Zucchero semolato 100 gr
Limone 1
Prezzemolo tritato una manciata abbondante
Olio extravergine di oliva e cucchiaio da minestra più q.b.
Sale fino q.b.
Pepe nero macinato q.b.
Alloro 12 di foglie

Le sarde a beccafico sono un piatto tipicamente siciliano nato dalla rielaborazione “povera” di un piatto esclusivo per le tavole dei nobili.
Prende il nome da una passeracea canora lunga circa 15 centimetri e dal peso di non più di 20 grammi che i nobili siciliani amavano cacciare perché, a loro detta, aveva delle carni molto saporite.
La caccia non era certo attività per i poveri i quali, come si sa, si dedicavano e solo per sopravvivere alla pesca e all’agricoltura e fu così che l’uccellino venne sostituito dalle più reperibili sarde e da agrumi, prodotti vegetali e formaggi.
Le interiora del beccafico, usate come farcitura nella ricetta “ricca”, sono state sostituite dalla mollica di pane ed il succo di agrumi è stato introdotto per attenuare l’odore di pesce.
Insomma … geniale ed a tutto vantaggio della tasca, del palato e anche … del beccafico.

Squamate le sarde e liberatele della testa e delle interiora ed apritele a libro dalla parte del ventre togliendo la lisca.
Lavatele sotto acqua fredda corrente e fatele quindi asciugare su un panno.
In una padella soffriggete il pane grattugiato in due cucchiai d’olio abbondanti e, quando sarà dorato, prendetene due terzi e metteteli in una terrina.
Unite le acciughe tagliuzzate o tritate (le avrete prima diliscate e dissalate sotto l’acqua corrente fredda), l’uva sultanina (che avrete fatto rinvenire per circa 30 minuti in acqua tiepida e poi strizzato), i pinoli, il prezzemolo tritato, il sale ed il pepe.
Mescolate bene il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo con il quale farcirete le sarde.
Chiudete i pesci usando uno stuzzicadenti.
In una teglia unta con l’olio disponete le sarde separandole una ad una con una foglia di alloro.
Sciogliete lo zucchero nel succo del limone e quindi cospargete le sarde con il restante pane grattugiato, spruzzate col succo di limone zuccherato, versate un filo d’olio e fate cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa mezz’ora.
Servite ben calde e abbinate con Etna rosso D.O.C.

di Margherita Maria Caruso Galanti



Data notizia: 14/10/2015

Tags

sarde a beccafico - ricetta - cucina -



Condividi questo articolo

 


Potrebbe interessarti anche...



Vetrina immobiliare

Vendesi Appartamento Maddalena Lipari
Vendesi appartamento primo piano Quattropani Vendesi appartamento primo piano Quattropani
130,000
Casa tipica eoliana Montegallina Lipari Casa tipica eoliana Montegallina Lipari
320,000
Vendesi Appartamento Maddalena Lipari Vendesi Appartamento Maddalena Lipari
250,000
Vendesi nuda proprieta villa Pianoconte Lipari Vendesi nuda proprieta villa Pianoconte Lipari
320,000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Tozzètti by Giovanna V. Catalàno

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz