1861. I pittori del Risorgimento.

1861. I pittori del Risorgimento. In occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia, le Scuderie del Quirinale presentano una grande mostra per illustrare come la pittura italiana abbia rappresentato gli eventi che tra il 1859 e il 1861 hanno portato il nostro Paese alla conquista dell'indipendenza e dell'unità nazionale. L'esposizione mostra le opere dei maggiori artisti dell'epoca (tra i quali Francesco Hayez, Giuseppe Molteni, Domenico e Gerolamo Induno, Eleuterio Pagliano, Federico Faruffini, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Odoardo Borrani, Michele Cammarano e Giuseppe Sciuti) e sottolinea come la lettura degli accadimenti di quegli anni abbia favorito una rappresentazione dell'adesione popolare a dispetto di una vera e propria celebrazione. Per la prima volta sono esposti insieme i monumentali dipinti di Giovanni Fattori e Gerolamo Induno, proprio a dimostrazione di come entrambi gli artisti, con linguaggi diversi, avessero il medesimo obiettivo: rappresentare le fondamentali battaglie per la conquista dell'Unità, spostando l'attenzione dagli aspetti militari a quelli ideali e popolari. In mostra il celebre "La Battaglia della Cernaia" di Gerolamo Induno, che ha partecipato personalmente alla Guerra di Crimea e alla famosa battaglia trasferita sulla tela in un'opera che è stata un modello per tutta la pittura dell’epoca. Tra gli artisti più famosi del periodo, Giovanni Fattori, invece, non ha partecipato direttamente alla Seconda Guerra d'Indipendenza, ma è riuscito a rendere, forse più di ogni altro, la dimensione epica del nostro Risorgimento. Nelle opere dei lombardi Eleuterio Pagliano e Federico Faruffini, come in quelle del napoletano Michele Cammarano, si ammira invece quel rivoluzionario realismo ispiratore dei capolavori cinematografici di Blasetti e di Visconti. In mostra, quindi, il racconto di alcuni degli anni e delle vicende più importanti della nostra storia, i fatti rivoluzionari del 1848, il mito delle Cinque giornate di Milano e quello di “Roma ferita al cuore”, la partecipazione popolare, l'epica della storia, l'epopea dei Mille, il mito delle camice rosse e la figura di Garibaldi. Con le delusioni di Villafranca e di Aspromonte, drammaticamente restituiteci dai capolavori di Domenico e Gerolamo Induno, la mostra si avvia alla conclusione. Il tragico dipinto del Fattori, "Lo staffato", è l'opera emblematica di questo periodo, il simbolo delle inquietudini che hanno contraddistinto quegli anni ed è, forse, come da più parti definito, il più vero e antiretorico monumento ai caduti delle guerre risorgimentali. Fino al 16 gennaio alle Scuderie del Quirinale.

, a cura di Daniela Bruzzone

Data notizia: 25/10/2010

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Casa indipendente Pianoconte
Appartamento vista mare Acquacalda Lipari Appartamento vista mare Acquacalda Lipari
250.000
Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari
400.000
Villa sul mare Capistello Lipari Villa sul mare Capistello Lipari
630.000
Casa tipica eoliana Montegallina Lipari Casa tipica eoliana Montegallina Lipari
290.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Maccheroni al sugo di cernia

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz