Lipari, divieto di nascita

Da "I quaderni de L'Ora", pubblichiamo un pezzo della giovane giornalista eoliana Rosita Rijtano: Il numero annuale dei parti era considerato troppo basso dall'Organizzazione mondiale della sanità. Massimo Russo ha quindi dimezzato i reparti dell'ospedale eoliano e sfoltito il personale. Con il risultato che adesso le madri dovranno andare a partorire sulla terraferma. Ma l'ex segretario del Pd locale non ci sta e annuncia ricorso al Tar. di Rosita Rijtano A soli quattro giorni di vita il piccolo Giulio Giacopello ha dovuto affrontare un faticoso viaggio in aliscafo da Milazzo a Lipari. "Meglio che si abitui" consigliava qualcuno a Francesca, la neo mamma che lo teneva in grembo, proteggendolo dagli urti dello scafo. Lei ad abituarsi non ci pensa proprio. "Mi hanno costretta a partorire lontana da Lipari, da casa mia, dagli affetti. Per non parlare dei costi: non meno di mille euro sono stati spesi tra viaggi, albergo e cibo". A Lipari, la maggiore delle isole Eolie, a breve infatti non sarà più possibile nascere. Il motivo? A partorire sono in poche. Troppo poche. Un centinaio di parti l’anno, a fronte dei 500 indicati dall’Organizzazione mondiale della sanità come la cifra minima perché un punto nascita possa ritenersi sicuro. In altre parole, o in un anno nascono almeno 500 bambini o partorire diventa rischioso. E, quindi, via le culle e i biberon. L'assessore regionale alla Sanità Massimo Russo non ha tardato ad adeguarsi alle recenti direttive. E approfittando del silenzio da parte dei politici locali ha riorganizzato l'intero ospedale liparese. I tagli di Russo hanno interessato soprattutto i reparti che da quattro sono diventati soltanto due: ginecologia è stata infatti fusa con chirurgia, mentre pediatria è finita unita a medicina. Con meno reparti, le forbici dell'ex magistrato hanno sfoltito anche il personale. Ogni dottore trasferito, o andato in pensione, non è stato più rimpiazzato. Il piano per l'unico ospedale delle Eolie è quello già attuato in altre realtà siciliane. “L’obiettivo è di potenziare il pronto soccorso e ridurre il numero delle degenze. Quelle che costano, per intenderci”, ha spiegato il dottor Mario Paino, responsabile dell’area medica dell’Asp 5 di Messina. Secondo Russo infatti “Il paziente va stabilizzato e poi trasferito”. Ma se i tagli indiscriminati sono a mala pena tollerabili nelle altre realtà isolane, a Lipari, che è un'isola periferica, diventano inammissibili. "Le isole minori non possono essere paragonate alla terra ferma. Siamo diversi e abbiamo bisogno di una legge speciale. Se non riusciamo a comprenderlo è come se parlassimo di tutto e di niente”, sostiene Saverio Merlino, ex segretario del Pd locale. Merlino ha affrontato Russo a muso duro quando il mese scorso l'assessore era intervenuto ad un convegno organizzato dall'Unesco proprio a Lipari. In quell’occasione Russo ha provato a convincere gli isolani che la chiusura del punto nascita non è una questione di soldi che mancano. Ma di sicurezza e di rispetto delle regole. Merlino ha subito colto la palla al balzo. “Qui – puntualizza - la politica non c’entra. C’entra la Costituzione. E l’articolo 32 lo dice chiaramente: ogni cittadino ha il diritto di essere curato. Ecco perché sono intenzionato a fare ricorso al Tar”. Aspettando il ricorso al Tribunale amministrativo l'ex segretario del Pd isolano continua la sua battaglia per tenere aperto il punto nascite di Lipari. E a colpi di cartoline con scritto “Voglio nascere a Lipari” e disegni di vulcani in dolce attesa è riuscito anche a strappare la promessa d'intervento del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che dopo trent’anni di vacanza a Stromboli è ormai considerato un eoliano a tutti gli effetti. Nel frattempo le mamme "orfane" della ginecologia eoliana non si arrendono. E sebbene costrette a partorire lontane dall'isola continuano a registrare gli ultimi nati all'anagrafe di Lipari. Anche il piccolo Giulio Giacopello è un "eoliano" nonostante abbia raggiunto Lipari soltanto quattro giorni dopo la nascita. “Altrove non l’avrei iscritto né ora e né mai” puntualizza orgogliosa la madre.

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 10/09/2011

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari
Appartamento vista mare Acquacalda Lipari Appartamento vista mare Acquacalda Lipari
250.000
Vendesi villa Cappero Lipari Vendesi villa Cappero Lipari
830.000
Casa Il Baglio Lipari Casa Il Baglio Lipari
450.000
Vendesi casa da ristrutturare Acquacalda Lipari Vendesi casa da ristrutturare Acquacalda Lipari
160.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Scorfano in Guazzètto (al forno) by Marco Miuccio

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz