Relitto carico di macine scoperto a Filicudi

Relitto carico di macine scoperto a Filicudi Gazzetta del Sud Peppe Paino Filicudi- Un’altra eccezionale scoperta archeologica nel mare delle Eolie e in particolare a Filicudi. Su segnalazione alla Soprintendenza del Mare di Palermo del sub isolano Antonello Berenati è stato individuato a 42 metri di profondità nella zona del porto , nello specchio acqueo frontale alla scalo d’alaggio, un relitto di epoca romana con un carico di tredici macine per il grano. Il relitto, con tanto di zavorra, perfettamente “in situ”, è diverso dall’ultimo individuato in ordine di tempo , sempre nell’area del porto, lo scorso settembre e di epoca tardo romana. La Soprintendenza del mare, diretta dal prof. Sebastiano Tusa, è già all'opera con il responsabile archeologia per le isole Roberto La Rocca per approfondire lo studio sul sito e un sopralluogo è stato già effettuato sott’acqua dal funzionario e archeologo della stessa Soprintendenza, Philippe Tisseyre, che conosce a menadito i fondali della zona e di tutte le Eolie. Ma quelli di Filicudi, noti per i relitti di Capo Graziano, non molto distanti dall’ultima scoperta, sono davvero particolari a tal punto che si può parlare di un vero e proprio museo sottomarino che la Soprintendenza ha cercato per come ha potuto negli ultimi anni di valorizzare con un percorso subacqueo per i diving. Va ricordato, infatti, che sono bene nove i relitti adagiati nel fondo di Capo Graziano , naufragati per la secca presente. Alla profondità di 45 metri, ad esempio, si può ammirare il relitto A ( Roghi) di età greca, che risale al II secolo a.C. e il relitto C, del V secolo a.C. . Ma c’è anche la nave della marina “Citta di Milano”, del 1919 affondata per una esplosione delle caldaie dopo l’impatto con la secca del Capo. Anfore, vasellame e corredi ritrovati negli ultimi 50 anni di ricerche sono custodi nel padiglione classico del Museo Barnabò Brea di Lipari e nella sezione di Filicudi Porto. L’archeologia sottomarina, si ricordi anche la recente scoperta del porto romano proprio sotto quello commerciale di Lipari, può diventare una grande risorsa per le Eolie. Decisamente meglio di quanto lo è già. A Palermo è stata infatti presentata la prima edizione di “Archeolie” che si svolgerà dall’8 al 16 settembre ed che è rivolta a studenti e appassionati.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 09/07/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi fabbricato Acquacalda Lipari
Villa Montegallina Lipari Villa Montegallina Lipari
380.000
Vendesi villa indipendente Acquacalda Lipari Vendesi villa indipendente Acquacalda Lipari
430.000
Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari
400.000
Villa unica Pianoconte Lipari Villa unica Pianoconte Lipari
1.080.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Bavette al pesce spada

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz