Le Eolie e la colonizzazione ellenica

Le Eolie e la colonizzazione ellenica

La presenza dei greci nelle isole Eolie risale al 580 a. C., protraendosi fino al 250 a. C. Importanti storici, quali Tucidide e Pausania hanno descritto, nelle loro opere, che le prime forme di   colonizzazione avvennero ad opera di Cnidi e Rodii che, oppressi dalla tirannide  dei re locali, si misero per mare alla ricerca di luoghi più adatti alla ricerca della cultura di libertà, propria delle genti greche.  La presenza sempre più frequente dei colonizzatori, fu dovuta a due importanti fattori. Il primo, di carattere economico, riguardava l’allume, presente in grandi quantità sull’isola ed utilizzato come fissante per colori nella lavorazione delle stoffe. Il secondo, di carattere politico, riguardava la posizione strategica  delle Eolie che permette di sviluppare traffici commerciali non solo con il Mediterraneo, ma anche con la Magna Grecia e la Grecia continentale. In oltre 300 anni  la cultura ellenica ha dato vita ad una civiltà collettivista, costituita da pastori e contadini, da marinai e soldati.

Nel 427 a. C. le isole Eolie furono coinvolte nella prima guerra Ateniese, schierandosi  però con i più affini Siracusani e dando loro manforte. Nonostante i primi successi dei Siracusani e degli Eoliani, la guerra tra Atene e Siracusa indebolì gli eserciti di entrambi gli schieramenti tanto da portare Atene, nel 413 a. C., a rinunciare definitivamente alle sue mire espansionistiche sul fronte del Mediterraneo occidentale. Ma i lunghi e logoranti  scontri  tra le opposte fazioni  indebolirono anche i Siracusani, che non avevano più ormai la capacità di proteggere e dare sostegno alle isole Eolie. Di questo momento di debolezza ne approfittarono, per insediarsi nelle Eolie, i Cartaginesi. La parentesi “Cartaginese” non durò  molto tempo, ben presto infatti le isole Eolie ripristinarono i rapporti con i Siracusani e nel IV secolo a.C. vissero il periodo di maggior splendore. L'alleanza con la potente Siracusa e lo sviluppo dei traffici marittimi sempre più intensi con il mondo greco ed il Mediterraneo fece arricchire la popolazione Eoliana che iniziò a edificare templi e a conservare all’interno di questi beni di lusso. Si ricordano, di questo periodo, i templi di Eolo e di Diana a Lipari, di Efesto a Vulcano e di Apollo  a Salina. Probabilmente a questi anni risalgono anche i resti di un tempio, tra Basiluzzo, Dattilo  e Lisca Bianca (gli isolotti vicino Panarea), sprofondato nel corso di una forte eruzione di Vulcano avvenuta tra il 370 e 350 a.C. Il  IV secolo a. C. è stato il periodo più florido per le Eolie. Fu in questo periodo infatti che  si cominciò  a batter moneta, segno di una  riconosciuta indipendenza e ricchezza. La presenza dei Greci nell’arcipelago eoliano, è stata un’importante testimonianza di quanto importanti siano state queste isole dal punto di vista strategico, commerciale e politico nel corso dei secoli.

di Adriano Nicosia



Data notizia: 12/11/2014

Tags

Eolie - colonizzazione ellenica - greci - romani -



Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi Palazzina Sottomonastero Lipari
Vendesi casa Pianoconte Lipari Vendesi casa Pianoconte Lipari
250.000
Vendesi primo piano Portinente Lipari Vendesi primo piano Portinente Lipari
300.000
Casa sotto il Castello di Lipari Casa sotto il Castello di Lipari
280.000
Vendesi Palazzina Sottomonastero Lipari Vendesi Palazzina Sottomonastero Lipari
750.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Bavette al pesce spada

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz