La prima Via Crucis di Malfa

La prima Via Crucis di Malfa Michele Merenda SALINA – Non è una novità per Salina e per le Eolie in generale, ma lo è per il comune di Malfa: durante il venerdì santo, infatti, dei volontari hanno organizzato la prima Via Crucis del paese. Un avvenimento partito in sordina, ma che poi, in un modo o nell’altro, ha finito per coinvolgere buona parte degli abitanti. Evento inedito che è nato per caso, da una discussione in cui si sentiva già la mancanza dell’operosità che aveva unito i ragazzi per il carnevale da poco terminato. Ed ecco la voglia di riunirsi nuovamente. «L’idea – ha spiegato la catechista Roberta Siragusano – è venuta alla sig.ra Anna Marchetta, che tra le altre cose ha creato buona parte dei vestiti. Ne ho parlato con le mie amiche e colleghe di catechesi, ottenendo da loro il pieno appoggio per l’organizzazione. All’inizio non riuscivamo a trovare nessun volontario ed eravamo scoraggiate, ma poi, quando il tempo a disposizione stava terminando, incredibilmente si andavano presentando sempre più persone disponibili a partecipare. Alla fine, a questa prima Via Crucis hanno partecipato circa 40 comparse. Ci tengo a ringraziare tutti i partecipanti e tutti quelli che ci hanno aiutato – ha aggiunto l’organizzatrice – e colgo l’occasione per ringraziare anche la comunità marocchina, che ha cucinato il pane arabo per la scena de “L’ultima cena” e ci ha anche prestato degli indumenti, oltre al comune di S. Marina Salina che ci ha a sua volta prestato le armature dei centurioni». La Via Crucis di Malfa è partita molto lentamente, con curiosi che pian piano si andavano radunando per assistere alle scene, fino a poi coinvolgere sempre più gente che ha seguito lungo le strade principali la sentita rappresentazione. Davvero tanti i giovani coinvolti, i quali hanno dato un forte segnale di risveglio al proprio paese. E così, dopo le esperienze teatrali, quelle natalizie e quelle del carnevale, la comunità di uno dei comuni salinesi mostra di essere sulla buona strada per tornare a vivere quella lunga parte dell’anno che la separa dalla stagione turistica.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 30/03/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Casa padronale con vigneto Lipari Pianoconte
Casa sotto il Castello di Lipari Casa sotto il Castello di Lipari
280.000
Casa vista mare Quattropani Lipari Casa vista mare Quattropani Lipari
340.000
Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari
250.000
Vendesi fabbricato San Calogero Lipari Vendesi fabbricato San Calogero Lipari
155.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Frittelle di Fiori di Zucca by Anita Scimone

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz