Banco Alimentare, domani al supermercato

Riceviamo da Michele Giacomantonio editoriale a Teleisole dal titolo "Per un Natale più solidale": Domani, al supermercato di Lipari, Corso Vittorio Emanuele, si terrà la giornata del Banco Alimentare. Sono già diversi anni che la Caritas organizza a Lipari questa iniziativa e sempre con un buon successo, Dalla mattina alla sera, i clienti che si recano al supermercato per i propri acquisti possono, se lo vogliono, aggiungere alle loro compere anche l’acquisto di prodotti alimentari da mettere in sacchetto a parte che dopo aver pagato alla cassa verrà ritirato dai volontari ed aggiunto agli altri sacchetti che altri clienti avranno riempito. A sera tutti gli acquisti confluiranno nella sede della Caritas di Viale Mons.Bernardino Re e verranno distribuiti, tramite le parrocchie, a chi ne ha particolarmente bisogno perché, almeno per Natale, sulla tavola di tutti ci sia un po’ di benessere. Probabilmente – con una parte della raccolta durante le festività natalizie – sempre ad opera della Caritas, verrà organizzato un pranzo per gli anziani e le persone sole: un’ occasione per trascorrere una serata in serenità ed allegria. Ma parliamo del Banco alimentare. In cosa consiste questa iniziativa,dove è nata, chi l’ha promossa? La storia dei banchi alimentari ha inizio a fine anni sessanta quando a Phoenix in Arizona nasce la St.Mary’s food Banck. A fondarla è John Van Hengel, un filantropo, il quale inizia a distribuire ai bisognosi il cibo non venduto e destinato alla distruzione da parte di negozi e ristoranti. Da allora negli USA sono sorte più di duecento Food Banck. Il modello americano è stato poi adottato in Europa dove di banchi alimentari ne esistono oltre 150 cinquanta un po’ in tutti i paesi dalla Grecia, alla Spagna, alla Francia, alla Svizzera, alla Polonia, all’Ucraina. In Italia il primo magazzino del Banco Alimentare fu aperto a Meda in provincia di Milano nel 1989 su iniziativa di don Luigi Giussani, fondatore di Comunione e Liberazione, e di Danilo Fossati, patron dell’azienda alimentare Star. Oggi, in Italia, ogni anno, sono milioni le famiglie che beneficiano di questo sevizio; nel 2008 sono state più di sette milioni. Quindi domani, quando vai al Supermercato, accetta la busta che ti viene offerta all’entrata dai volontari e – passando fra i vari scaffali - metti dentro qualcosa, secondo le tue possibilità. Prodotti non deperibili naturalmente perché la distribuzione andrà avanti per diversi giorni. Formaggio, biscotti, pomodori pelati, pasta, riso, legumi e magari anche un pensiero per i più piccoli per cui il Natale è una festa speciale: una tavoletta di cioccolato, un panettone, dei dolci. C’è la crisi è vero ma la crisi non è uguale per tutti e per qualcuno è più dura degli altri. Buon Natale.

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 11/12/2009

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Casa Porto delle Genti Lipari
Vendesi fabbricato San Calogero Lipari Vendesi fabbricato San Calogero Lipari
135.000
Vendesi casa Capistello Lipari Vendesi casa Capistello Lipari
500.000
Casa Il Baglio Lipari Casa Il Baglio Lipari
450.000
Casa Quattrocchi Pianoconte Lipari Casa Quattrocchi Pianoconte Lipari
280.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Ciàule Cà Cipuddàta By Vera Puglisi

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #vulcanoconsult