Tiffany & Gallé e i maestri dell’Art Nouveau

Tiffany & Gallé e i maestri dell’Art Nouveau Fino al 28 aprile le sale di Palazzo Caffarelli ai Musei Capitolini ospitano la mostra Tiffany & Gallé e i maestri dell’Art Nouveau dal Museo di Arti Applicate di Budapest. Novanta opere selezionate dell’epoca d’oro dell’Art Nouveau, le novità tecnologiche e artistiche, le contaminazioni tra generi diversi e le reciproche influenze fra artisti nell’Europa degli anni a cavallo tra l’Esposizione Universale di Parigi del 1889 e la Prima Esposizione Internazionale d’Arte Decorativa Moderna di Torino del 1911. Ispirazione e linee che risaltano negli oggetti decorativi in vetro e ceramica ideati dall’americano Louis Comfort Tiffany, dal francese Emile Gallè e dai fratelli Daum, maestri vetrai di Nancy, opere raffinate che hanno influenzato e istigato la produzione di oggetti d’arte decorativa in Ungheria e non solo. Il percorso della mostra è articolato in sei sezioni: la prima, colori vivaci e luci nuove, sintetizza la semplicità delle linee e la varietà delle forme. La seconda sezione, forme organiche Art Nouveau e motivi floreali, mette in rilievo il lato naturalista, così importante nell’Art Nouveau con tulipani, fiori di papavero e steli di orchidee usati per creare calici e vasi in vetro dalle forme fantasiose ispirate alla natura. Culture lontane e tradizioni antiche sono l’argomento della terza sezione, che ripercorre le modalità dell’influenza delle due correnti artistiche dell’epoca: il Movimento estetico e il Giapponismo. La quarta sezione mette a fuoco il lusso delle materie, che illustra il valore attribuito ai materiali usati, l’alto livello di manifattura e l’eleganza della forma anche di oggetti di uso quotidiano, che diventano così di lusso. Nella penultima parte del percorso, dedicata alla natura in casa nostra, si tratta di elementi: terra, acqua, fiori e insetti, ricorrono nei tessuti e nei lavori in vetro e ceramica. La mostra si chiude con il mondo del simbolismo, importante in questo movimento artistico, evocato con atmosfere oniriche e temi figurativi che spaziano dalla mitologia classica a quella ungherese, rappresentando un mondo fantastico che va oltre la storia e la realtà. La mostra, che rientra nell’ambito delle iniziative dedicate all’Anno Culturale Ungheria-Italia 2013, chiude il 28 aprile.

a cura di Daniela Bruzzone

Data notizia: 03/04/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari
Vendesi rudere panoramico Quattropani Lipari Vendesi rudere panoramico Quattropani Lipari
45.000
Vendesi fabbricato Acquacalda Lipari Vendesi fabbricato Acquacalda Lipari
250.000
Casa indipendente Portinente Lipari Casa indipendente Portinente Lipari
530.000
Vendesi primo piano Portinente Lipari Vendesi primo piano Portinente Lipari
280.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Pesce spada alla siciliana

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz