Staminali, i Biviano scrivono a Napolitano

Staminali, i Biviano scrivono a Napolitano Blogsicilia.it Veronica Femminino Nel loro quindicesimo giorno di protesta romana, Sandro e Marco Biviano, due dei quattro fratelli di Lipari affetti da distrofia muscolare che chiedono di curarsi con le cellule staminali del metodo Vannoni, si sono spostati da Montecitorio al Quirinale per rivolgere la loro richiesta di aiuto alla massima autorità dello Stato. Sandro Biviano, divenuto l’uomo simbolo della protesta per il diritto alle cure alla quale hanno aderito centinaia di disabili giunti a Roma da tutta Italia, ha scritto una lettera che è stata recapitata al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Questo il testo integrale della missiva: “Caro presidente, chi le scrive è un disabile affetto da distrofia muscolare, che da questa mattina sta incatenato di fronte alla sua casa, il Quirinale, per protestare per ottenere le cure con il metodo Stamina. Mi chiamo Sandro Biviano, ho 37 anni, sono di Lipari, e sono grave. Mio padre è morto per distrofia muscolare, e così anche mio zio. Ho un fratello e due sorelle malati della stessa malattia, una delle mie sorelle è gravissima. Quindici giorni fa, dopo molti appelli inascoltati alle autorità italiane affinché venisse concesso a me e alle mie sorelle di poterci curare con le cellule staminali del professor Vannoni, mi sono incatenato davanti al palazzo del Governo, in piazza Montecitorio, accompagnato dal Movimento Vite Sospese e dall’associazione Sicilia Risvegli onlus, gli unici che mi sono stati vicini per queste due settimane, sostenendomi in tutto e non lasciandomi mai solo. Ma finora non è servito a niente. La mia protesta è rimasta isolata dai media nazionali: salvo qualcuno, nessuno si è interessato della sorte mia e dei miei fratelli, già condannati a morte da una malattia gravissima, e adesso pronti a lasciarci morire davanti alle sedi del potere se non ci verranno concesse le cure compassionevoli con il metodo Stamina. Presidente, quelle cure per noi rappresentano l’ultima speranza. Chi le scrive è un condannato a morte che non ha nulla da perdere. Non voglio vedere i miei fratelli morire come mio padre, e non posso accettare che i nostri politici si arroghino il diritto di decidere per me le cure da negarmi. Ci hanno detto, a me e agli altri come me, che queste cure potrebbero avere effetti collaterali, farci male. Signor Presidente, ma di quali effetti collaterali devo aver paura io, che sono condannato a morte? Invece, so per certo che le cure Stamina non fanno male, finora hanno solo giovato a chi le ha ricevute. Ho parlato con i papà di tanti bambini che adesso stanno meglio. Per questo ho deciso di incatenarmi con mio fratello Marco davanti a Montecitorio, e da oggi davanti al Quirinale. L’ho fatto nonostante tutti i pareri medici contrari. Nei giorni scorsi per due volte sono stato soccorso e portato in ospedale, e per due volte ho firmato le dimissioni per tornare in strada a continuare la mia protesta. Io e mio fratello non andremo via finché questa situazione non sarà chiarita. Da lì, glielo assicuro,andremo via solo con il diritto a curarci oppure da morti. Caro presidente, lei è la mia ultima spiaggia. La prego di ascoltare il grido di questo giovane sfortunato, che lotta per sé e per la propria famiglia. Nei giorni scorsi la Regione Sicilia ha espresso un parere favorevole alla cura Stamina. Ho chiesto al presidente della Regione di farci curare in strutture siciliane, ma ieri ci hanno risposto che la risoluzione approvata esprimeva solo la volontà politica di risolvere la situazione delle centinaia di malati siciliani che chiedono a gran voce la Stamina. Signor presidente, la supplico, faccia qualcosa lei. Glielo chiedo come un figlio“. Dopo la risoluzione del 31 luglio con cui la commissione Sanità all’Ars autorizza le cure in Sicilia, i fratelli Biviano hanno chiesto che venga fatta una delibera immediata per assicurargli una infusione urgente di staminali. Hanno affidato il loro drammatico video-appello alle pagine di BlogSicilia, rivolgendosi al presidente della regione e all’assessore regionale alla Salute. La risposta di Lucia Borsellino è arrivata soltanto ieri. L’assessore ha puntualizzato che occorre “valutare sicurezza ed efficacia del metodo” prima di procedere con la somministrazione della terapia in Sicilia. Si attende ancora l’intervento del governatore Crocetta sulla vicenda dei Biviano.

a cura di Peppe Paino

Data notizia: 06/08/2013

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Vendesi fabbricati con terreno Acquacalda Lipari
Vendesi casa Capistello Lipari Vendesi casa Capistello Lipari
500.000
Appartamento piazza Marina Corta Lipari Appartamento piazza Marina Corta Lipari
330.000
Vendesi attico Lipari Vendesi attico Lipari
280.000
Rudere sul mare Rudere sul mare
75.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Torta al Cioccolato con Panna Fresca by Marzia Ricca

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz