Caos, vip e arresti

Gazzetta del Sud Salvatore Sarpi Lipari- È stato un Ferragosto con il pienone nell'arcipelago eoliano ma condito, almeno a terra, da tanta, troppa, confusione. Nelle sette isole si sono riversati oltre centomila vacanzieri: la larga maggioranza costituita da giovanissimi provenienti da quasi tutte le città siciliane e calabresi. Un pienone "di massa" esauritosi nel giro di tre-quattro giorni e che ha lasciato assolutamente insoddisfatti gli operatori turistici locali già alle prese con una stagione estiva con i numeri nettamente in regresso rispetto alla precedente che già non era stata da incorniciare. Notevole e decisamente più ordinato il traffico diportistico, che ha fatto registrare un numero indescrivibile di imbarcazioni da diporto, di ogni dimensione e tipologia. Il Ferragosto eoliano, caratterizzato da una giornata quasi perfetta (almeno sino a sera) dal punto di vista meteorologico, ha visto residenti, turisti stanziali e i cosiddetti vacanzieri "mordi e fuggi" prendere d'assalto le spiagge. Da quelle più facilmente raggiungibili a quelle più appartate e accessibili solo dal mare. Buono l'afflusso sullo Stromboli e al museo archeologico eoliano "Luigi Bernabò Brea" di Lipari. Il "piano tranquillità", messo in atto dalle forze dell'ordine per fronteggiare l'autentica invasione di vacanzieri, ha retto abbastanza bene. Ferragosto di intenso lavoro, come era prevedibile, per la Guardia costiera di Lipari ma più in generale per l'intero Circomare. Le unità della Giardia Costiera hanno messo insieme oltre 12 ore di navigazione. Sono stati eseguiti 30 controlli, elevati 11 verbali (per violazioni varie al codice della navigazione) per un importo complessivo di circa 3.000 euro, due gli interventi di soccorso in favore di imbarcazioni in avaria. Nella tarda serata di Feragosto gli uomini della Guardia Costiera, unitamente ai carabinieri della motovedetta in servizio a Lipari, hanno prestato assistenza a diverse imbarcazioni che, per via del maestrale, avevano "arato" a Lipari e Vulcano. Da ieri è iniziato il deflusso dei "vacanzieri ferragostani" con lunghe file sia agli imbarcaderi dei traghetti (che già registrano il tutto esaurito sino a stasera) che degli aliscafi. L'esodo non è iniziato nei migliori auspici. Il catamarano «don Francesco», della compagnia di navigazione Snav, impegnato nella rotta Eolie-Napoli, farà uno scalo fuori programma nel porto di Sapri (Salerno) dopo che in uno dei due motori idrojet del mezzo è finita una rete. Il mezzo avrebbe potuto proseguire tranquillamente la sua corsa fino a Napoli ma a velocità ridotta, allungando i tempi di viaggio anche a causa delle condizioni di mare che non sono favorevoli. Ma proprio per evitare disagi ai passeggeri, spiega il comandante Raffaele Aiello, amministratore delegato della Snav, «abbiamo deciso di far approdare il mezzo nel porto di Sapri dove ad attendere i circa 600 passeggeri, per accompagnarli a Napoli, ci saranno 12 autobus».

, a cura di Peppe Paino

Data notizia: 17/08/2008

Condividi questo articolo

 


Potrebbero interessarti...



Vetrina immobiliare

Villa unica Pianoconte Lipari
Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari Vendesi fabbricato vista mare Acquacalda Lipari
250.000
Immobile vista mare Canneto Immobile vista mare Canneto
530.000
Casa Il Baglio Lipari Casa Il Baglio Lipari
450.000
Vendesi casa via Marina Garibaldi Canneto Lipari Vendesi casa via Marina Garibaldi Canneto Lipari
600.000

Notizie e interviste dalla Capitale

dalla nostra Daniela Bruzzone

Le ricette

Baccalà al sugo

Dalle nostre ricette ingredienti per 4 persone... scoprile!

Eolie Islands

Instagram #liparibiz